Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Dittongo!

Ho scoperto che negli Stati Uniti dare del “dittongo” a qualcuno può essere un insulto.

DIPHTHONGNe parla Oy, You Diphthong! in Visual Thesaurus
la parola inglese diphthong, soprattutto se pronunciata “dip-thong” anziché “dif-thong” (e quindi scritta dipthong), può suonare come una parolaccia, non solo per la combinazione di suoni ma anche perché in inglese ci sono parole offensive che iniziano con dip (ad es. dipstick e dipshit) e thong (“perizoma”) rafforza l’effetto potenzialmente ridicolo.

Con l’intonazione giusta potrebbe funzionare anche in italiano? Se qualcuno non ha la minima cognizione di fonetica o di grammatica, forse sì: DITTONGO! E basta sfogliare un dizionario di linguistica per farsi venire qualche altra idea, ad es. adespoto, emico, peone, rintronico, scazonte, stichico, vocoide*…


Nuovo post: Il gerundio che non era un participio (un errore di Matteo Salvini di cui si è molto discusso, forse non del tutto casuale?)


* definizioni nei commenti

Tag: ,

Non sono consentiti commenti o ping.

2 commenti a “Dittongo!”

  1. 14 dicembre 2011 07:37

    Rose:

    In metrica ci sono vari termini che si prestano a usi simili 😉
    Qualcuno potrebbe sentirsi dare dello “spondeo” o “coliambo” con riferimento alle preferenze sessuali.
    Un oratore potrebbe essere troppo “diacritico” o “prosodico” o “trocaico” o “acataletto” (ma di quest’ultimo potrebbe giovarsi anche l’ambito ospedaliero).
    Una donna potrebbe avere davvero un bel “senario”.

    Oh, sì. Ci sarebbe da divertirsi. 😀

  2. 14 dicembre 2011 10:47

    Licia:

    😀

    Aggiungiamo itifallico?


    I significati degli “insulti” linguistici, con definizioni dal Vocabolario Zingarelli:

    adèspoto detto di libro, codice, manoscritto di cui non si conosce l’autore
    emico (ling.) relativo a dati che sono pertinenti e hanno quindi una funzione distintiva (in contrapposizione a quella descrittiva)
    itifàllico detto di verso greco e latino costituito da una tripodia trocaica, tipico dei canti fallici
    peóne (ling.) piede della metrica classica formato da quattro sillabe, di cui tre brevi e una lunga, collocabile in prima o seconda o terza o quarta posizione
    rintrònico componimento con cui si risponde a un altro in una tenzone poetica rispondere per rintronico, rispondere per le rime
    scazónte verso della poesia greca e latina formato da un trimetro giambico con spondeo o trocheo nell’ultimo piede (sinonimo: coliàmbo)
    stìchico Nella metrica classica, serie s., successione di versi uguali in serie ininterrotta.
    vocòide (ling.) in fonetica, suono nella produzione del quale l’aria emessa dai polmoni non incontra alcun ostacolo dopo le corde vocali