Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

La barosola (con quiz per non romagnoli)

barosola Tra le parole romagnole che non credo abbiano alcun equivalente in italiano mi piace molto barosola (l’ho suggerita anche per il progetto Sciarà). Descrive l’impronta di cibo che può rimanere attorno alla bocca, soprattutto dei bambini ma anche di adulti poco accorti, che si forma se si mangia con gusto qualcosa, come gelato o marmellata o pietanze con il sugo, imbrodolandosi parte del viso: “Ma guarda che barosola che hai!

Barosola è una delle voci di un divertente glossarietto di romagnolismi che ho ricevuto in regalo, Zavagliando*. Guida per chi vuole salvare la lingua romagnola pur non conoscendola e per i finarlini** che credono di parlare puro italiano (Bottega Bertaccini).

Ho ritrovato molti romagnolismi che sentivo spesso quando abitavo da quelle parti e ho pensato di usarne alcuni per un piccolo quiz. Riuscite a indovinare cosa vogliono dire?

Per la soluzione, selezionate il testo formattato in bianco nella colonna significato:

parola significato esempio
bagarone scarafaggio ma ci sono bagaroni a casa tua?
bagattare rovinare mi sono bagattato le braccia nei rovi 
ciusso sporco cambialo, non vedi com’è ciusso? 
gnola lamento noioso ma che gnola che è questa canzone della Pausini
imbarlato non dritto mi si è imbarlata la ruota della bicicletta
inciciuìto instupidito ha perso la testa per quella, è proprio inciciuito
malghino imbroglio per vincere le elezioni Bush aveva fatto dei malghini
sguigno molliccio ci siamo dati la mano ma la sua era sguigna
smagato stomacato ho mangiato tanto di quel gelato che mi ha smagato
spatacarsi divertirsi ieri sera ci siamo proprio spatacati
spanella misura imprecisa prendi il metro e non darci a spanella!
sassare dietro vendere in offerta alla Cepal le pesche te le sassano dietro

** Zavagliare: delirare
** Finarlino: persona fine

Altri esempi in Si dice in Romagna…


Aggiornamento – Etimologia di barȏŝla da Léžar e Scrìvar in Rumagnȏl di Franco Ponseggi: “si può far risalire al latino rosula (piccola rosa), come nel siciliano ròsula, col senso di arrossamento, quindi gelone o rosolia, con il prefisso rafforzativo ba, con il riferimento allo sporco intorno alla bocca tipico dei bambini, che, per essere intorno alla bocca, ha forma rotonda e che, se l’igiene viene trascurata, come poteva succedere un tempo, e/o per il freddo, poteva portare ad arrossamenti. Non si può escludere l’origine dal longobardo rosa (crosta), in particolare attorno alla bocca”.

Tag:

Non sono consentiti commenti o ping.

Un commento a “La barosola (con quiz per non romagnoli)”

  1. 12 settembre 2011 10:02

    Mara:

    Va bene uguale se uso Daniela per la resa in italiano? 🙂