Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

L’inglese di ATM: idea per storia dell’orrore

All’ingresso della metropolitana della stazione centrale di Milano è stato installato un nastro trasportatore per bagagli. Gli anglofoni appena arrivati in città si trovano davanti questo cartello:

luggages

Ci sarebbe da domandarsi come mai l’ATM faccia fare traduzioni così visibili a qualcuno che non sa neanche che il sostantivo inglese luggage non ha il plurale (e sarebbe bastato un correttore ortografico!).

imageProbabilmente se ne è occupato chi ha tradotto anche il cartello che illustra le tre azioni obbligatorie e le dieci proibite sul marciapiede mobile che a Lambrate porta dalla stazione della metropolitana a quella ferroviaria. Speriamo non si fermino in molti a leggerlo perché le traduzioni lasciano alquanto a desiderare anche in questo caso.

Gli inglesi, ad esempio, potrebbero pensare di essere capitati in una storia dell’orrore se leggono beware of long clothes: guardatevi dal malvagio abbigliamento lungo (nel corridoio di Lambrate potrebbe repentinamente iniziare a vivere di vita propria, ribellarsi contro di voi e strangolarvi)! Ma niente paura, in case of necessity apply to the station agent.

Scherzi a parte, una nota terminologica: in inglese il termine tecnico che descrive le barriere laterali di scale e marciapiedi mobili è balustrade (nel cartello c’è una a di troppo) ma nelle avvertenze al pubblico si preferisce il meno preciso ma più comprensibile handrail.


Aggiornamento – Prepare your ticket for this operation! (altre traduzioni poco felici di ATM).

Vedi anche: effetto mouseover: la "serrandina" per un esempio di scelte terminologiche in base all’utente finale e Comprehend this: attention to planes inclined per un’altra traduzione imbarazzante vista a Milano.


Due esempi di cartelli in inglese da healthandsafetysigns.co.uk:

Keep feet away from sites Warning Long coats and loose clothing may be entrapped

Tag: ,

Non sono consentiti commenti o ping.

4 commenti a “L’inglese di ATM: idea per storia dell’orrore”

  1. 21 luglio 2011 18:46

    Silvia Pareschi:

    Molto interessante, grazie. Lo condivido su facebook.

  2. 21 luglio 2011 19:12

    Licia:

    @Silvia, grazie a te. Tempo fa un’amica mi aveva detto di dare un’occhiata alle istruzioni dei distributori di biglietti ATM ma mi sono sempre dimenticata di farlo. Spero che nel frattempo siano state corrette perché gli esempi che mi aveva fatto erano davvero preoccupanti… anche se sicuramente meno inquietanti! 😉

  3. 4 agosto 2011 11:08

    devan:

    Due estati fa, sui bus di pescara che portano all’aeroporto, c’era un cartello bilingue (italiano e lingua non identificata); il secondo era (purtroppo non ho annotato il testo italiano, ma con un po’ di fantasia si può ricostruire): “the travellers must annul the ticket before the following stop to that of slope; the transgressors incur in a monetary sanction from a minimum of 30€ maximum to 135€ more the rate in vigor on fugitive drawn”

  4. 4 agosto 2011 11:36

    Licia:

    @devan, grazie per l’esempio! Rimane solo da domandarsi “Babel Fish o umano particolarmente maldestro”?