Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Anglicismi visti da un inglese

Dello scrittore inglese Tim Parks ho letto e apprezzato alcuni romanzi e soprattutto i libri di ricordi dei suoi primi anni in un paese del Veneto, Italian Neighbours e An Italian Education, sicuramente tra gli esempi meglio riusciti del genere “vita in Italia dal punto di vista di uno straniero”.

E a proposito di itanglese e dell’inflazione delle parole inglesi in italiano, interessante il punto di vista di Tim Parks in Inglesismi. Un assaggio:

italiani-Tim-Parks[…] Che senso aveva imparare l’italiano se la lingua veniva rimpiazzata, giorno per giorno, parola per parola, con inglesismi? Peggio ancora, se le parole sono quelle sbagliate. La prima volta che ho sentito qualcuno dire che voleva comprare un body, a me è sembrato che parlasse di prostituzione, o addirittura di necrofilia. Ce n’è voluto ancora del tempo per capire che il golf era qualcosa che si può indossare, non solo giocare. E non avrei mai immaginato che qualcuno volesse mettere la macchina nel box (scatola alle mie orecchie). Non solo dovevo imparare l’italiano, mi toccava pure ri-imparare la mia lingua. […]

Parks è anche traduttore e insegna traduzione. In Dimentichiamoci del “traduttore traditore” esprime i suoi dubbi su alcune affermazioni ricorrenti sulla traduzione letteraria.
Aggiornamento: Dimentichiamoci del “traduttore traditore” non è più disponibile ai link riportato sopra e purtroppo neanche al nuovo link indicato in seguito nei commenti.

Tag: ,

Non sono consentiti commenti o ping.

5 commenti a “Anglicismi visti da un inglese”

  1. 8 marzo 2011 18:55

    Watkin:

    Non va l’ultimo link! 🙁 Mi interesserebbe molto…

  2. 8 marzo 2011 20:11

    Licia:

    @Watkin: fino a qualche giorno fa funzionava (sulla pagina di Facebook di Parks si trova lo stesso link). Al momento si può ancora leggere nella copia cache di Google e ho trovato anche un PDF dal titolo Autore addolcito, lettore contento che dovrebbe essere lo stesso testo.

  3. 11 aprile 2011 17:04

    francesca cosi:

    ciao Licia!

    Non ho ancora letto i romanzi di Parks (e dopo il tuo commento sono davvero curiosa), ma ho trovato interessantissimo il suo saggio Tradurre l’inglese.

    Grazie anche per il link all’articolo e a presto!

  4. 11 aprile 2011 18:11

    francesca cosi:

    ciao Licia,

    sono tornata a visitare il link e l’articolo è sparito! Adesso rimanda al blog di Tim Parks…
    Però ho ritrovato l’articolo qui

    ciao

  5. 11 aprile 2011 19:38

    Licia:

    @Francesca: grazie, ho aggiornato il post con il nuovo link.

    Invece a proposito dei libri di Parks, per coincidenza proprio ieri ho ripreso in mano Italian Neighbours dopo essere finita in una tipica tavernetta di una casa brianzola che mi aveva ricordato una descrizione che avevo letto lì. Un assaggio (tieni conto che il libro è stato pubblicato nel 1992):

    Tim Parks – Italian Neighbours

    […]

    Tim Parks – Italian Neighbours