Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Curiosità sul nome Web

wwwVent’anni fa, il 12 novembre 1990, l’inglese Tim Berners-Lee e il belga Robert Cailliauper presentavano la proposta di ricerca che avrebbe dato origine al World Wide Web.

Ben Zimmer in On Language (The New York Times) ricorda l’anniversario raccontandoci che il nome World Wide Web era una soluzione provvisoria e che gli autori avevano l’intenzione di trovarne uno più idoneo se il progetto fosse stato approvato.

Sappiamo com’è andata a finire: allo stesso modo di mouse, il nome “temporaneo” World Wide Web non solo è rimasto ma ha anche dato origine a uno dei più diffusi neologismi semantici dell’inglese, web, ed è stato subito adottato da molte altre lingue.

Prima di optare per WorldWideWeb (inizialmente scritto come un’unica parola), gli autori avevano esaminato e scartato varie alternative:

Mesh (pronuncia troppo simile a mess)
Mine of Information (l’acronimo MOI, “me” in francese, poteva sembrare troppo egocentrico)
The Information Mine (l’acronimo TIM poteva sembrare ancora più egocentrico perché coincideva con il nome di Berners-Lee, Tim)
Nomi di figure mitologiche greche o egizie (la prassi nella scelta dei nomi degli esperimenti del CERN, che Berners-Lee e Cailliauper volevano evitare proprio per sottolineare il carattere innovativo e rivolto al futuro del loro progetto) 
Nomi di figure mitologiche nordiche (nessuno era sembrato adatto)

Altra curiosità: l’espressione world-wide web già nel XIX secolo era usata nel linguaggio giornalistico per descrivere intrighi spionistici internazionali e nel 1867 un religioso inglese aveva messo in guardia contro i pericoli delle innovazioni scientifiche ipotizzando l’inquietante futuro scenario di un tiranno mondiale al controllo di mezzi di trasporto e di comunicazione, “a world-spider in the omphalos* of his world-wide web”.

Ben Zimmer riprende l’argomento in Word Routes (Visual Thesaurus) aggiungendo dettagli ed elencando alcuni termini associabili a web per lo stesso uso metaforico della lingua: spider, browsing, navigating e surfing, tipici esempi di terminologizzazione.


Vedi anche: 10 anni della parola blog.


* omphalos = onfalo (centro, ombelico)

Tag: ,

Non sono consentiti commenti o ping.

Un commento a “Curiosità sul nome Web”

  1. 16 novembre 2010 11:20

    Paolo:

    INteressante però la storia degli acronimi sembra esagerata