Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Ingegneri e segnaletica orizzontale…

Mi ha divertita AHEAD STOP in xkcd, con immancabile nota esplicativa (appare al passaggio del mouse):

Ahead Stop

Mi sono sempre domandata quanti leggano la segnaletica orizzontale scritta su più righe nell’ordine previsto e quanti, invece, comincino dall’alto come me…

Una nota linguistica: engineer è una parola spesso ostica da rendere adeguatamente in italiano perché indica competenze anche molto diverse, per cui engineer=ingegnere può essere un falso amico. A seconda dei contesti, engineer può infatti corrispondere a tecnico, macchinista (nelle navi, chief engineer è direttore di macchina), motorista, meccanico specializzato, addetto alla manutenzione, geniere, a vari tipi di perito ed esperto, e anche, ma non sempre, a ingegnere nel senso italiano di laureato in ingegneria che ha conseguito l’abilitazione professionale.

Se si tratta di figure professionali più recenti, in italiano sembra prevalere il prestito: software engineer (informatico), system engineer (sistemista), project engineer, quality engineer, ecc. Si riscontrano inoltre alcuni calchi dall’inglese, come ad es. ingegnere del suono e ingegnere genetico, ma sempre in specifiche collocazioni (ingegnere + specificazione).

Esperienza personale: in quasi 20 in Microsoft quasi nessuno degli innumerevoli engineer irlandesi e americani che ho conosciuto poteva essere descritto come “ingegnere” in un contesto italiano.


Vedi anche: altri post con il tag falsi amici.

Tag: ,

Non sono consentiti commenti o ping.

2 commenti a “Ingegneri e segnaletica orizzontale…”

  1. 18 agosto 2010 16:45

    Marco:

    Grandioso!
    Giusto di recente mi chiedevo per quale ragione la segnaletica orizzontale fosse sempre così… ora si spiega tutto.

  2. 19 agosto 2010 11:03

    maxxfi:

    Personalmente, se la scritta è su un paio di righe e riesco a vedere tutto il messaggio con una sola ‘occhiata’, tendo spontaneamente a leggere dall’alto in basso.
    Se la scritta è su più righe mi rendo conto che non è pratico cominciare con il rigo lontano e quindi parto dal basso.