Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Trenta: quasi un litro in America

Ho letto in Schott’s Vocab che la Starbucks, la catena di americana di caffè, sta testando un nuovo formato per tè e caffè freddi che corrisponde a 31 once liquide o un quarto di gallone (americano), ovvero circa 900 ml.

Il nuovo formato si chiama trenta, nella tradizione dei nomi italiani o pseudoitaliani amati da Starbucks, come il formato venti, descritto efficacemente qui da Riccardo come un’unità di misura per il caffè del tutto sconosciuta in Italia (direi che la traduzione migliore in italiano potrebbe essere “secchio”, o magari anche “barile”).

È buffo come parole della propria lingua possano perdere il loro significato se adottate in altre lingue, diventando pseudoprestiti, e si debba quindi imparare a reinterpretarle in contesto:

formato Starbucks* dimensioni in once in ml
tall small 12 oz circa 350 ml
grande medium 16 oz circa 450 ml
venti large 20 oz per bevande calde, 24 oz per bevande fredde circa 600 ml circa 700 ml
trenta XL 31 oz circa 900 ml

Considerazioni linguistiche a parte, non credo finirò mai di stupirmi delle dimensioni giganti che quasi tutte le cose sembrano avere negli Stati Uniti (ad es. il latte venduto in taniche). Come si fa a ingurgitare tali quantitativi di caffè o tè, considerato che vanno bevuti caldi o freddi e quindi, nonostante i bicchieroni vagamente isolanti, vanno consumati in breve tempo?

striscia Pearls Before Swine
striscia Pearls Before Swine

Aggiornamento 18 gennaio 2011 – Infografica di National Post per illustrare le dimensioni del nuovo formato, in vendita da oggi in alcuni stati americani (via Corriere della Sera):

infografica

* fonte: Starbucks Drinks Simplified (kinda); note sui formati anche in Language Log      [aggiornamento 26/1/11: altri commenti qui, dove si scopre che un espresso può essere solo, doppio e… trippio!].


Vedi anche: Come si dice caffè a Trieste?, sul lessico italiano alternativo usato a Trieste per descrivere la bevanda, Bimbos in stilettos eating pepperoni paninis, sui prestiti italiani “mangerecci” in inglese, e Problemi di conversione e di localizzazione, sulla conversione delle unità di misura anglosassoni.

Intanto anche in inglese si ironizza sul nome Venti (primo minuto):

Tag:

Non sono consentiti commenti o ping.

2 commenti a “Trenta: quasi un litro in America”

  1. 9 marzo 2010 16:03

    Luigi Muzii:

    La risposta all’ultima domanda (retorica?) potrebbe spiegare perché Starbucks non ha avuto (pare) nemmeno provato a sbarcare in Italia.
    V., al riguardo, http://www.multilingualblog.com/index.php/why-there-is-no-starbucks-in-italy/

  2. 9 marzo 2010 18:25

    Licia:

    @ Luigi Muzii: fa sorridere soprattutto se si pensa che l’idea degli Starbucks sarebbe venuta al suo fondatore proprio in Italia (Why Starbucks is not present in Italy?).
    Ho letto con piacere il post di Ultan su Multilingual/Blogos, ironico come sempre: mi ha fatto tornare in mente quando era mio collega a Dublino e da bravo irlandese privilegiava contenitori piuttosto voluminosi per caffè e birra, perlomeno rispetto a noi italiani. 🙂