Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Auguri politicamente corretti

[2009] In molti paesi di lingua inglese resiste la tradizione dei biglietti di auguri da sistemare sul caminetto o mettere in bella mostra in altri modi con un apposito card holder.

Per Natale ne ricevo parecchi anch’io da Stati Uniti, Irlanda e Inghilterra, ed è divertente vedere come svelino il continente di provenienza anche senza busta: la parola Christmas sembra del tutto bandita da quelli americani, dove la formula di auguri che va per la maggiore è Happy Holidays o simili (ad es. Holiday Cheer e Holiday Greetings) ma si vedono molto anche combinazioni di due o tre parole che includono Peace, Love e/o Joy (ad es. Love, Smiles and Happiness). Le immagini americane di solito sono neutre (ad es. paesaggi invernali, fiocchi e pupazzi di neve, poinsettie, ecc.) e sono rari i simboli più tradizionali come alberi di Natale o candele.

Happy Holidays

Insomma, un vero trionfo del politically correct (il 21 dicembre ho addirittura ricevuto tre email dagli USA intitolati Happy Solstice, in sostituzione dei più tradizionali auguri natalizi). Personalmente trovo abbastanza ridicolo che si voglia vedere un significato religioso in una tradizione che equivale ormai a un semplice atto di cortesia, ma c’è invece chi prende la cosa seriamente: impossibile dimenticare la reazione irata di un collega americano di origine israeliana verso un’ignara collega asiatica che, pensando di fare un gesto gentile verso europei e americani, aveva mandato un tipico messaggio di auguri natalizi…

Non siamo immuni a questa tendenza neanche in Europa (in Inghilterra era stata addirittura coniata la parola macedonia Winterval, da winter+festival, per descrivere in modo neutro questo periodo festivo), però nel Regno Unito e soprattutto in Irlanda continuano ad esistere i biglietti con auguri e simboli tradizionali. E, per quanto kitsch possano essere, a me fa sempre piacere trovarli nella cassetta delle lettere, soprattutto in questi tempi di comunicazioni quasi solo elettroniche. 


Aggiornamento dicembre 2017 – Donald Trump si attribuisce il merito di avere riconsentito di augurare Merry Christmas negli Stati Uniti, come promesso durante la campagna elettorale del 2016: 

foto di Trump che indica un cartello con la scritta Merry Christmas


In tema con il periodo, potete trovare dettagli sull’etimologia di parole inglesi legate al Natale (ad es. Christmas, Yule, frankincense, myrrh, merry) in We owe you an Etymology (Collins Language) e in Merry Christmas (The Virtual Linguist). L’etimologia di parole italiane natalizie (ad es. presepe, torrone, vischio, elfo, ghirlanda) è descritta in Il Natale, a carole nel portale Treccani.

Vedi anche: Alcuni riferimenti natalizi inglesi.

Tag: , ,

Non sono consentiti commenti o ping.

2 commenti a “Auguri politicamente corretti”

  1. 28 dicembre 2009 10:53

    Elena:

    E’ buffo, ma anch’io l’altro giorno, dovendo scrivere degli auguri generici, ho scritto “Buona Festa del Solstizio”… sarà che sto studiando Storia delle Religioni e Sociolinguistica ?? Comunque il tuo blog è veramente bello e pieno di riferimenti interessanti. Complimenti !

  2. 28 dicembre 2009 20:25

    Vlad:

    Miracoli di un mondo globalizzato. Auguri, che sia un ottimo 2010!