Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

XOXO: baci e abbracci

No, XOXO non mi fa pensare al microformato eXtensible Open XHTML Outlines ma all’abbreviazione inglese per hugs and kisses che viene in mente leggendo un articolo del Corriere della Sera, L’uomo «metrotextual»? Manda baci via sms (anche ai maschi)*.

Mah, non mi sembra il caso di scomodare gli psicologi per capire perché ora molti uomini inglesi concludono SMS e altri messaggi con uno o più baci, simboleggiati dalle X, anche quando scrivono ad altri uomini. Per me è un esempio di variazione linguistica: le X, finora usate quasi esclusivamente dalle ragazze nelle lettere, hanno semplicemente perso parte del significato originale per diventare saluti più neutri, privilegiati perché brevissimi e adatti ad essere usati in contesti più ampi.

Mi pare stia succedendo qualcosa di simile anche in italiano con baci e bacio alla fine di telefonate e messaggi: sono sempre più diffusi e sempre meno riconducibili al loro significato letterale.

OX - Pearls Before Swine

Lo slittamento di significato è abbastanza comune con i saluti, basti pensare a ciao che nei secoli ha perso qualsiasi riferimento a schiavo o a How are you? che in Irlanda di solito non è una domanda ma un saluto, infatti si tende a rispondere ripetendo How are you? 

Ma perché in inglese si usano le X per rappresentare i baci? Si trovano due possibili spiegazioni. La lettera X /ɛks/ ha le stesse consonanti di kiss /kɪs/  e in origine anche le vocali erano simili, da cui l’associazione kissX. L’altra ipotesi riguarda la pratica degli analfabeti di firmare con una X e poi di baciarla come impegno verso quanto sottoscritto; con il tempo la X simbolo della firma è diventata il simbolo del bacio.

Vedi anche: XXX e XOX (contesti diversi, significati diversi per la lettera X) e LOL: le risate, l’amore e i saluti.


* L’articolo italiano ha come fonte Phone texting reveals sensitive new “metrotextual” ma non chiarisce che in inglese metrotextual è un gioco di parole palese con metrosexual, un uomo molto preoccupato della propria immagine, etero ma con atteggiamenti di solito associati ai gay (tipo David Beckham), e con text, l’SMS.

Un paio di commenti divertenti su metrotextual in Schott’s Vocab (e altri sui saluti qui sotto).

Tag: , , ,

Non sono consentiti commenti o ping.

2 commenti a “XOXO: baci e abbracci”

  1. 5 novembre 2009 11:55

    Francesca:

    Ciao Licia!
    Riguardo al “How are you?” sotto forma di domanda… è comune anche in Australia, infatti mi ci volle un po’ di tempo per entrare nell’ottica; loro poi lo storpiano in un “Heyagoin!”. Ogni volta che entravo in un supermercato la cassiera mi apostofava con uno scialbo “How are you?” e io prontamente con un “Fine, thanks” …scatenando le occhiatacce dei presenti. Dopo un po’ ho smesso 😀

  2. 5 novembre 2009 20:00

    Licia:

    @Francesca: anch’io in Irlanda ci avevo messo un po’ per capirlo ;-) 
    Credo però che un irlandese in Italia sarebbe altrettanto stupito nel chiedere "come stai?" e sentirsi rispondere con veri e propri bollettini medici come facciamo noi!

    A proposito di “How are you?”,  DailyInterpreter riporta un aneddoto che sottolinea come inglesi e americani reagiscano in modo diverso alla domanda: i primi rispondono con un neutro “Fine, thanks” che i secondi percepiscono come risposta fredda e distaccata, segnale di qualcosa che non va, perché sono abituati a reazioni più esuberanti tipo “Great! Thank you!”.

    E recentemente ho letto questo sulla differenza tra americani e canadesi:

    How do you tell a Canadian from an American? It’s easy. Just ask them the standard social question, "And how are you today?" An American will say something along the lines of, "I feel great!" or "Just dandy". A Canadian will say, "Not too bad… and yourself?" (Translation: "Bad, but not too bad. Let’s talk about you instead.").

    umorismo americano: Pearls Before Swine

    Aggiornamento 19/11/09David Crystal riporta che in GB anche il significato del saluto see you later è cambiato, perlomeno tra i più giovani, diventando più generico e non implicando più un incontro nella stessa giornata.