Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Un altro esempio di nome composto

Post pubblicato il 31 ottobre 2008 in blogs.technet.com/terminologia

Torno sui cosiddetti noun stack, i nomi composti inglesi che possono essere difficili da tradurre per le lingue con un ordine delle parole diverso dall’inglese, con le possibili interpretazioni di default data validation task:

1 [default data] [validation task]
l’attività di convalida per i dati predefiniti (implica più tipi di dati)

2 [default [[data validation] task]]
l’attività di convalida dei dati che viene applicata per impostazione predefinita (implica più tipi di attività di convalida)

3 [default [data validation]] [task]
l’attività che descrive la convalida predefinita applicata ai dati (implica più tipi di convalida di dati)

Il sostantivo data è plurale, quindi non c’è ambiguità sul numero, ma in altri casi le possibili interpretazioni raddoppierebbero, ad es. object validation può indicare sia la convalida di un singolo oggetto che di più oggetti contemporaneamente.

In questo caso l’interpretazione corretta, in base al contesto in cui appare il termine e ai termini correlati nello stesso sistema concettuale, è la 2.


Commento di Iso:

Da dove si evince che "data" qui è plurale? Per quanto di derivazione latina, solitamente è declinato al singolare, specie nell’US-En. Come automata, del resto (pur esistendo automaton), forum (fora praticamente non esiste) o index. Qui il problema terminologico-traduttivo è conseguente alla cattiva redazione. Peraltro, il Chicago Manual of Style offre precise indicazioni al riguardo tra cui (vado a memoria) quella di non usare più di tre parole, e non più di un sostantivo aggettivante. Sul Microsoft Manual of Style for Technical Publications in mio possesso non ho trovato niente di conclusivo al riguardo, solo un vago "Use only one term to name one concept" e "Use verbs as verbs and nouns as nouns".

Mia risposta:

@ Iso, grazie per la precisazione, ma quello che intendevo dire è che nel caso di data non occorre porsi il problema se sia singolare o plurale perché indica comunque un insieme di dati (indipendentemente da quale possa essere l’etimologia o la storia del termine e quindi la forma verbale che debba essere usata in inglese).

Tag: ,

Non sono consentiti commenti o ping.

Non si possono aggiungere commenti.