Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Il paragrafo falso amico…

Pubblicato il 18 ottobre 2008 in blogs.technet.com/terminologia


Oggi ero agli MVP Open Days, un evento dove si incontrano sempre persone con cui è un vero piacere scambiare opinioni e informazioni.

Grazie a Maurizio Borrelli, con cui ho parlato del lavoro del mio team e della terminologia di Office, ho scoperto un falso amico che finora, ahimè, avevo sempre ignorato: il termine paragrafo, rappresentato dal simbolo ¶ (in inglese pilcrow).

Maurizio mi faceva notare che chi, non giovanissimo, comincia a usare Word e altri programmi spesso fa fatica a capire cosa si intenda per paragrafo e commenta perplesso "ma questo non è un paragrafo, è un capoverso!

Effettivamente in inglese paragraph è "testo che inizia in una nuova riga e che contiene almeno una frase". In italiano, invece, il termine paragrafo rappresenta un concetto diverso: "un’unità di testo scritto di una certa ampiezza, ma di rango inferiore al capitolo". 

Sempre in inglese, nell’ambito specifico del software, paragraph indica "testo che è seguito da un ritorno a capo ottenuto premendo il tasto INVIO, ad esempio la voce di un elenco numerato o puntato, un titolo o un sottotitolo, ecc.".

Ecco quindi che paragrafo è un falso amico, come messo in evidenza dal dizionario Treccani al punto 1 c:

paragrafo  s. m.  1. a. Parte, generalmente breve e di estensione minore del capitolo, in cui viene suddiviso uno scritto: i primi tre p. del 4° capitolo del testo di storia. b. (giur.) Partizione di una legge e sim. corrispondente al singolo articolo o a un suo comma. c. Per influsso dell’ingese paragraph, denominazione diffusa, ma errata, di ciò che in italiano si dice piuttosto capoverso; usato specialmente nel linguaggio informatico. 2. (estens.) Segno grafico (§) che contrassegna il paragrafo 

Credo però che a questo punto sarebbe controproducente cambiare la terminologia italiana nei prodotti Microsoft: confonderebbe i milioni di utenti che, più o meno inconsapevolmente come la sottoscritta, hanno imparato a riconoscere il nuovo significato "informatico" di paragrafo.

Aggiornamento 2014: questa accezione è ormai così diffusa e pienamente accolta nella lingua che ormai paragrafo non va più considerato un falso amico ma un prestito camuffato. 

Ah, in inglese il simbolo § si chiama section sign


Commento di Enrico:

Non mi ero mai reso conto che per Word anche i titoli sono dei paragrafi e sono d’accordo che e’ strano, ma credo che siano quelli che imparano a usare il computer tardi che fanno piu’ fatica a imparare questi concetti.

Commento di Maurizio Borrelli:

Lieto di ritrovarmi citato nel tuo blog! :-)  Tornato a casa da Milano, sono andato subito a sfogliare il Lexicon Abbreviaturarum. Dizionario di abbreviature latine ed italiane edito da Hoepli e ho verificato che entrambi i segni convenzionali "Section sign" e "Paragraph sign" sono definiti "Paragraphus" e indicati come attestati in Italia dalla metà del XV secolo.   A quanto pare dalle nostre parti "Section sign" si è dato molto da fare, mentre "Paragraph sign" non ha avuto molta fortuna, rimanendo relegato in stretto ambito ecclesiastico, Breviari e Messali insomma, fino all’avvento di Word.

Licia:

@ Maurizio, grazie dei dettagli, incredibile cosa si riesca a "riciclare" in campo tecnologico!

Tag: , ,

Non sono consentiti commenti o ping.

Non si possono aggiungere commenti.