Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

“Borseggio digitale”

Jeans made that will prevent ‘digital pickpocketing’. The jeans have pockets that block RFID signals – BBC News

Un articolo della BBC, Jeans made that will prevent ‘digital pickpocketing’, descrive alcuni indumenti e accessori sviluppati per impedire che malintenzionati carpiscano i dati trasmessi da smartcard o da dispositivi mobili che si tengono in tasca o in borsa e che usano tecnologie come RFID o contactless. Per bloccare i segnali vengono usate fibre d’argento o altri materiali.

Questo particolare furto di dati è un problema noto e in aumento. In inglese prende il nome di RFID hacking, ma nell’articolo viene usata anche un’altra espressione molto efficace, digital pickpocketing, che in italiano si potrebbe rendere con borseggio digitale.

Per Word Spy digital pickpocket. il borseggiatore digitale, è attestato dal 2004. Electronic pickpocketing risale invece al 1996 ed è nato in riferimento a carte di credito ed e-banking.  

Vedi anche: Hacking e hackeraggio e Apple picking (a rischio chi possiede iPhone e iPad).

Misofonia

screech - torture your friends

Ci sono dei suoni che vi danno particolare fastidio, come il rumore di chi si soffia il naso, mastica o deglutisce, oppure il clic del mouse?

Potrebbe essere un problema di misofonia, l’avversione per uno o più suoni specifici che invece ad altri non creano alcun disagio.

Si differenzia dall’iperacusia, che invece è una patologia caratterizzata da un aumento della sensibilità uditiva, ad es. a causa di infiammazioni, e dalla fonofobia, un disturbo psichico che si manifesta con un terrore ossessivo dei suoni intensi.

Non va confusa con la misofobia, la paura morbosa di sporcarsi a contatto di determinati oggetti che spinge ad adottare misure igieniche esagerate.

Continua a leggere »

Ancora cartelli ferroviari: truncated platform

Il prossimo treno è in ritardo e dovete aspettare in stazione? Niente paura, i cartelli di Trenitalia sono fonte continua di svago! Ecco un esempio: per raggiungere il binario 3, devo andare verso sinistra o scendere le scale?

cartello alla stazione di Milano Rogoredo: Binari tronchi – Truncated platforms

Ho anche notato la traduzione truncated platforms per binari tronchi, ma in inglese britannico il marciapiede che consente di accedere ai treni sui binari di testa, cioè che terminano in stazione, si chiama bay platform (molto meno frequente dead-end platform).

Anche stavolta non è colpa di Google Translate ma di qualcuno che si è improvvisato traduttore. È comunque un esempio utile per aggiungere qualche nota terminologica.

Continua a leggere »

Questioni di demografia

grafico intitolato QUESTIONARIO - demografia

Il grafico sintetizza alcuni dati relativi alle risposte a un questionario. Senza poter vedere i dettagli, che significato attribuite alla parola demografia nel titolo?

Continua a leggere »

Falsi amici finlandesi

bandiera finlandeseAnni fa ho condiviso un ufficio con un finlandese, Olavi. Era stato divertente scoprire quante parole finlandesi e italiane fossero omofone, ma con significati del tutto diversi, ad esempio suora vuol dire “dritto” o “avanti, muovi è la plastica, tieni vuol dire “la mia strada”, koska è “perché” e una parola simile a paperella vuol dire “sulla carta”.  E credo sia ormai risaputo che l’imperativo “guarda” è katso, e che “guarda il mare” è katso merta.

Un giorno Olavi aveva deciso di filmare i colleghi, tutti di nazionalità diverse, e ci aveva chiesto di dire un paio di parole, ciascuno nella propria lingua. Il mio pussa via! aveva suscitato grande ilarità perché, a quanto pare, nel suo dialetto una sequenza simile voleva dire “baciami ancora”. Oooops!

Trovate molti altri esempi di omofoni in Il calendario dei falsi amici di Suom(I)taly.

Coppie antonimiche inaspettate

In Unexpected Opposites Mike Pope descrive alcuni termini inglesi che possono risultare insoliti se non ci si rende conto che sono il contrario (antonimi) di termini già noti.

Nel lavoro terminologico multilingue le coppie antonimiche richiedono una certa attenzione perché in altre lingue non sempre sono disponibili gli stessi meccanismi di formazione delle parole usati in inglese e può essere difficile rispettare la “simmetria” originale.

outdentNei programmi di scrittura, ad esempio, outdent indica una riga o del testo spostati verso l’esterno rispetto al testo principale: è l’antonimo di indent, il rientro. In italiano di solito si ricorre a rientro negativo (l’ho descritto in È tutto transitivo…).

Continua a leggere »

Puzzingo

G. mi ha segnalato un’app per bambini che ha un nome poco felice, Puzzingo. Dubito siano state fatte valutazioni di globalizzazione che includessero l’italiano.

Puzzingo

Vedi anche: Inkulator, parola macedonia andata a male (un’altra app per bambini)

Migranti, emigrati e immigrati

Nel Portale Treccani la settimana scorsa è stato pubblicato un bell’approfondimento sulla differenza tra emigrante, migrante e immigrato. Osserva che “migrante tende a sostituire progressivamente negli usi immigrato, anche se, nell’uso comune, coonestato dai media, migrante viene identificato soltanto con la persona più disperata”, e cioè quella in continuo spostamento da un paese all’altro alla ricerca, spesso vana, di una sistemazione stabile.

Un confronto diacronico delle frequenze d’uso nel corpus di libri di Google Books mostra un deciso aumento del sostantivo migrante negli ultimi decenni (dati fino al 2008):

frequenze relative di immigrati, migranti, immigranti ed emigranti nel corpus italiano di Google Books

Migranti irregolari è la collocazione sostantivo+aggettivo più frequente.

Continua a leggere »

Divieto catapulte a Expo 2015

divieto catapulteL’anno prossimo avete intenzione di andare a Milano a visitare Expo 2015? Se sì, ricordatevi di lasciare a casa la catapulta.

L’insolito divieto fa parte delle informazioni utili sui biglietti di ingresso a Expo 2015 e l’ho scoperto grazie a Carlo Gianuzzi:

All’interno del Sito Espositivo non è consentito introdurre: Pistole, armi da fuoco e altri strumenti che sparano proiettili […] fra i quali: […]  archi, balestre e frecce; lanciarpioni e fucili subacquei; fionde e catapulte

Immagino che chi ha redatto i divieti in italiano abbia preso ispirazione da qualche elenco in inglese e non abbia riconosciuto i falsi amici catapult  ≠ catapulta.

Continua a leggere »

Rolognese

Rolognese Blue

forchetta Rolognese con manovellaSono sempre molto incuriosita dalle potenziali differenze culturali e in un museo di design all’estero non ho potuto fare a meno di notare un oggetto che dubito avrebbe mercato in Italia (ma non si sa mai!).

È Rolognese, una forchetta per bambini che serve ad arrotolare gli spaghetti senza problemi.

Il produttore è tedesco ma non saprei dire se il nome Rolognese, un gioco di parole, sia di derivazione tedesca o inglese.

In entrambe le lingue è molto comune la locuzione Spaghetti Bolognese (all’estero sono convinti che il ragù sia il loro condimento ideale) ed esistono verbi che iniziano con rol- che descrivono l’azione che si fa con la forchetta: rollen in tedesco e roll in inglese.

Il nome è sicuramente creativo ma non mi convince, probabilmente perché come italiana non mi viene automatico pensare a bolognese se ci sono degli spaghetti. La sequenza -ogn- mi fa invece venire in mente parole con connotazioni sgradevoli come rogna, fogna, carogna, scarogna.
.
.

Vedi anche: Pasta e differenze culturali (modi diversi di condire e mangiare gli spaghetti) e Pastachetti, Soffatelli, gelato Boccalone Prosciutto (aspetti fonosimbolici che condizionano la percezione dei nomi dei prodotti).

TermBloggers Lounge

TermCoord logoLa Terminology Coordination Unit (TermCoord) del Parlamento europeo, infaticabile e innovativa nel popolarizzare la terminologia delle istituzioni europee e nel diffondere la cultura terminologica, ha ideato una nuova iniziativa, TermBloggers Lounge.

TermBloggers LoungeTermBloggers Lounge si propone come un luogo di incontro informale non solo per terminologi, traduttori ed esperti ma anche per “consumatori” di terminologia e chiunque desideri condividere punti di vista, osservazioni, esperienze e competenze terminologiche.  

Continua a leggere »

Telemarketing “estero” e pragmatica

Anche se il mio numero di telefono è da anni nel Registro delle Opposizioni, ultimamente ricevo parecchie telefonate indesiderate da Telecom e da Vodafone.

operatore di telemarketing (con loghi adattati di Vodafone e Telecom Italia)Inutile protestare o dichiarare totale disinteresse verso qualsivoglia offerta, quindi devo concludere che la percentuale di telefonate andate a buon fine compensi l’avversione permanente suscitata in quelli come me.

Presumo che per chi ascolta e si fa convincere dalle offerte non siano rilevanti gli aspetti linguistici e pragmatici che invece ritengo rendano gli operatori di telemarketing poco credibili.

Accento ed errori

Da quando parecchi call center sono stati dislocati all’estero, buona parte degli operatori non sono di madrelingua italiana. Le aziende che si servono di loro però non sembrano preoccuparsi degli studi che indicano che chi parla con accento straniero è percepito come meno attendibile rispetto a una persona di madrelingua, ancor meno se fa errori di lessico o grammatica: qualche dettaglio in Accenti stranieri e credibilità.

Continua a leggere »

Anatra o manzo?

Duck roastbeef with orangeA una cena di terminologi a Barcellona non poteva passare inosservato un piatto descritto sul menu inglese come Duck roastbeef with orange.

Roastbeef d’ànec i taronja – Roastbeef de pato y naranja

Il testo inglese riproduceva quello in catalano e in spagnolo, ma anche i parlanti nativi erano perplessi: solo quando il piatto è stato servito abbiamo avuto la conferma che si trattava di anatra preparata come se fosse roastbeef.

Per i terminologi il messaggio è inconfondibile: i segni linguistici sono convenzioni, a volte usate in modo arbitrario (cfr. triangolo semiotico). I traduttori invece sanno di dover prestare attenzione agli pseudoanglicismi, che altrimenti si trasformano in falsi amici.
.

Vedi anche: tacchino+pollo+suino = ???

Gray circle of death

GCoD – gray circle of death

Avete mai visto l’icona a forma di cerchio grigio con bordo bianco e un punto esclamativo bianco all’interno? In inglese è nota come Gray Circle of Death, GCoD in breve, e appare nei browser al posto di contenuti realizzati con Flash quando c’è un errore di memoria.

Come spiega What is the gray circle with an exclamation mark (or bang)?, indica che Flash Player ha terminato l’esecuzione dell’applicazione Flash perché richiedeva più memoria di quante ne fosse disponibile.

Il nome è divertente perché fa subito pensare a Blue Screen of Death (BSoD), la famigerata “schermata blu della morte” dei sistemi operativi Windows precedenti alla versione 8: ne ho accennato in Microsoft Blue.

Il Red Ring of Death (RRoD) invece descrive tre luci rosse lampeggianti disposte ad anello che segnalano problemi hardware di Xbox 360.

Qualche dettaglio sul blog

In questi giorni sono a Barcellona per l’EAFT Terminology Summit. Il tema di quest’anno è How does social networking affect terminology work? e oggi farò un breve intervento per descrivere questo blog, uno dei pochi* che si occupano regolarmente di terminologia.

Qualche dettaglio: il blog era nato nel 2008 all’interno del Portale Linguistico Microsoft e dopo un anno circa si è trasferito qui, conservando comunque i vecchi post.

blog statisticsDa marzo 2009 ad oggi ha avuto più di un milione e mezzo di visualizzazioni: un grosso grazie in particolare ai lettori abituali, davvero numerosi.

Il post più visualizzato è del 2011,  “Stay hungry. Stay foolish” in italiano: a ieri circa  86000 visualizzazioni e continua ad accumulare una cinquantina di visite al giorno grazie ai motori di ricerca (non capisco proprio perché tale interesse).

Continua a leggere »