Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Dati e stime nei tweet di INGV sui terremoti

Nei mesi scorsi l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) ha sperimentato un nuovo servizio automatico di comunicazione dei terremoti via Twitter, descritto in Su @INGVterremoti tutte le informazioni dei terremoti in tempo reale.

Finora i tweet sono stati strutturati in questo modo:

tweet di esempio INGV

Alcune informazioni sono abbastanza tecniche, ad es. la data è in formato UTC (1 o 2 ore di differenza), quindi INVG sta studiando un modo più semplice e immediato per comunicare. A questo scopo ha preparato alcune domande e ci invita a rispondere per definire il modo migliore per dare informazioni strategiche in situazioni di emergenza, in cui va condiviso il maggior numero di dati nel modo più efficace ed efficiente possibile.

Continua a leggere »

collaborator ≠ collaboratore

notizia dal sito di Rai News, 23 agosto 2014: Hamas “ha giustiziato altri quattro presunti collaboratori” di Israele, scrive l'agenzia palestinese Maan. […]  Ieri Hamas ha ucciso altri 18 sospetti collaboratori di Israele a Gaza.Nei giorni scorsi alcuni media hanno riportato la notizia, tradotta dall’inglese, che a Gaza alcuni presunti collaboratori di Israele erano stati giustiziati da Hamas.

Non hanno considerato che in inglese la parola collaborator ha due accezioni:
1 neutra, chi partecipa a un progetto o a un’attività, e 2 negativa, un traditore che svolge attività per il nemico.

A causa di 2, le guide di stile americane per la scrittura tecnica includono collaborator tra le parole non politicamente corrette, da evitare sostituendola con coworker o colleague.

Continua a leggere »

Avete mai sofferto di brain freeze?

brain freezeNo, il brain freeze non è il congelamento del cervello di chi si rovescia in testa il secchio di acqua gelata della Ice Bucket Challenge di cui tanto si parla ultimamente, ma il mal di testa repentino che può venire quando si mangia o beve qualcosa di molto freddo, da cui il nome alternativo ice cream headache. Ha anche un nome scientifico: in inglese sphenopalatine ganglioneuralgia e in italiano ganglioneuralgia sfenopalatina.  

Ne parla 21 fancy medical terms for mundane problems, un elenco divertente di nomi comuni inglesi di banali disturbi con i relativi termini scientifici, alcuni dei quali per nulla ostici per noi  italiani, come morsicatio buccarum (l’irritazione dovuta al morso della guancia, cfr. morsicatio linguarum) e gustatory rhinitis (gli starnuti dovuti a cibo piccante).

Vedi anche: Terminologia medica inglese e italiana

Linguisti a caccia di terroristi

La linguistica forense* è la disciplina che usa la linguistica in attività investigative, tra cui l’analisi di testi anonimi per identificare l’autore o per delinearne un profilo psicologico.

In Analysis of the IS (ISIS) email, la linguista forense Claire Hardaker illustra il tipo di informazioni che si possono ricavare dall’email che annunciava l’uccisione del giornalista James Foley, scritto in inglese da un estremista che si presume sia di origine britannica

virgoletteFormattazione automatica – Nel testo dell’email alcune parole sono racchiuse tra virgolette inglesi (smart quotes o curly quotes). Potrebbe indicare l’uso di software che per impostazione predefinita converte automaticamente le virgolette semplici in inglesi, come Microsoft Outlook o Word, ed escludere i prodotti Apple per iPhone e iPad, che di solito non prevedono l’opzione.

Finestra di dialogo con le impostazioni di formattazione automatica in Word: Replace as you type – Straight quotes with smart quotes

Continua a leggere »

Parlare civile: comunicare senza discriminare

Non esistono parole sbagliate. Esiste un uso sbagliato delle parole. Parlare civile: comunicare senza discriminare. Mi ricollego a Polemiche di ferragosto: vu cumprà e vocabolari per suggerirvi una risorsa scoperta recentemente*. È Parlare civile, un progetto “volto a fornire un aiuto pratico a giornalisti e comunicatori per trattare con linguaggio corretto temi sensibili e a rischio di discriminazione”, tra cui immigrazione, disabilità, povertà ed emarginazione, salute mentale, genere e orientamento sessuale.

Raccoglie circa 200 parole con definizioni, uso, alternative consigliate, parole correlate ed esempi negativi e positivi da testate giornalistiche. Qualche esempio: badante, barbone, disabile, efferato, lucciola e vu cumprà.
.

Vedi anche: Sul politicamente corretto 

* grazie a Silvia Pellacani e Carla Crivello.

Come si pronuncia Bárðarbunga

A quanto pare sentiremo parlare molto del vulcano islandese Bárðarbunga, in inglese Bardarbunga. L’intensa attività sismica degli ultimi giorni rende probabile un’eruzione che potrebbe rivelarsi problematica come quella del famigerato Eyjafjallajökull nel 2010. Intanto ecco come si pronuncia il nome, grazie alle indicazioni del sito islandese mbl.is:

Il nome Bárðarbunga deriva da un colono vichingo dell’VII secolo, Bárður Bjarnason (o Gnúpa-Bárður), da cui ha preso il nome anche una valle, e bunga, “collina tondeggiante”.

Vedi anche: Lava, lapilli, turbinanti nubi di cenere vulcanica…

La doggy bag non è per il cane!

sacchetto di carta con disegno di cane triste e la scritta “I just know it’s not for me”Chi è stato al ristorante negli Stati Uniti sa cosa si intende con doggy bag: è il contenitore per portare a casa il cibo avanzato alla fine del pasto (ad es. un sacchetto o una vaschetta). È un’abitudine molto diffusa, tanto che i camerieri possono prevenire la richiesta (Shall I box it up?) ed esistono anche le wine doggy bag per le bottiglie di vino non terminate.

Il nome doggy / doggie bag è un eufemismo: gli avanzi sono per i clienti e non per il loro ipotetico cane.

Sono informazioni reperibili in qualsiasi dizionario, ma che non sono state verificate dall’autrice di Ogni cliente ha il diritto di chiedere il ‘doggy bag’, un servizio del TG1 tutto erroneamente incentrato sui cani e i loro proprietari.

La superficialità dei media italiani e le conoscenze approssimative dell’inglese non sono una novità, basti pensare ai falsi amici, però questo esempio mi fa pensare anche a problemi che a volte si incontrano nella localizzazione.

Continua a leggere »

Polemiche di ferragosto: vu cumprà e vocabolari

Sintesi del comunicato stampa del Ministero dell’Interno che annunciava la presentazione di una direttiva per la prevenzione e il contrasto dell’abusivismo commerciale:

Alfano: Al via operazione ‘Spiagge sicure’. I turisti, i nostri cittadini, potranno tranquillamente trascorrere le loro giornate in spiaggia, senza la processione dei vu’ cumpra’ – comunicato stampa Ministero Interno 10 agosto 2014

Durante la presentazione e su Twitter il ministro Alfano ha ripetutamente usato l’espressione vu cumprà, quindi ha reagito alle prevedibili critiche affermando che la sua scelta lessicale era giustificata perché vu cumprà “c’è anche sulla Treccani”.

L’Enciclopedia Treccani ha subito precisato che l’espressione vu cumprà è registrata nel vocabolario “a scopo di documentazione, senza volerne in alcun modo legittimare l’uso”, e che nel proprio portale viene evidenziato il registro d’uso spregiativo (esempi qui e qui).

Il giornale del Nuovo Centrodestra non ha gradito la puntualizzazione e ha risposto con Colpi di sole. Vu cumprà: comica risposta della Treccani, ma forse è un fake, notevole per la disinformazione sulle finalità dei dizionari e per l’ignoranza del concetto di registro.

Continua a leggere »

assumption e assunzione

Traduzione italiana: Il recente esperimento dell’Islanda ha messo in discussione le assunzioni per cui il processo costituente debba essere opaco e esclusivo.

Testo originale inglese: Iceland’s recent experiment in redrafting its constitution has challenged the assumptions that a constitutional process needs to be exclusive and opaque.

Assunzione di Maria - Guido ReniIn italiano assunzione ha vari significati, tra cui 1 atto che dà inizio al rapporto di lavoro subordinato, 2 presa di possesso o impegno allo svolgimento di un compito importante, 3 elevazione al cielo.

In inglese assumption condivide le accezioni 2 e 3 con l’italiano ma nell’uso più frequente, evidenziato nell’esempio, indica una supposizione, un presupposto o qualcosa che si dà per scontato. In questo senso e nell’accezione 1 (hiring in inglese), assumption e assunzione sono falsi amici.

È invece diventato un prestito camuffato il verbo assumere nel significato di “ammettere come ipotesi”, entrato nel lessico comune attraverso il linguaggio scientifico e probabilmente sospinto anche dal doppiaggese.

Buon Ferragosto / Buona Festa dell’Assunzione!

Se la zanzara lascia il segno…

In ALIQUOT (l’atlante dei geosinonimi italiani descritto ieri) c’è anche la carta con i verbi che indicano l’azione fatta dalle zanzare per succhiare il sangue:

pungere – ALIQUOT

Peccato non ci sia anche la raccolta dei sostantivi che descrivono l’effetto dell’azione della zanzara, per verificare se c’è sempre corrispondenza con il verbo, e di che tipo. Per pungere ovviamente c’è puntura e per morsicare, non nell’elenco, c’è morso. So che per beccare ci sono almeno tre varianti, beccata, beccone (Veneto) e becco (Romagna), e per pizzicare credo ci sia pizzico , ma cosa si dice per mozzicare, pinzare e pincicare
.

Vedi anche: “Musati” e lunghezza di vocali e consonanti (zanzare a Trieste) e
Regionalismi e gestione della terminologia

Geosinonimi italiani in ALIQUOT

Mi incuriosiscono molto i geosinonimi (parole diverse che in luoghi diversi descrivono gli stessi concetti) e grazie a Silvia Pellacani mi sono divertita a curiosare nell’Atlante della Lingua Italiana QUOTidiana, un progetto del dipartimento di romanistica della Humboldt-Universität di Berlino che rappresenta cartograficamente le variazioni linguistiche dell’italiano regionale, raccolte tramite alcuni questionari.

Non poteva mancare uno dei miei esempi preferiti, descritto in Cocomeri strampalati:

anguria – ALIQUOT

Ho notato qualche imprecisione per le zone che conosco meglio, ma è comunque una risorsa molto interessante. Sono disponibili 25 cartine dinamiche e fino alla fine di dicembre 2014 si può partecipare alla quarta inchiesta.

Vedi anche:
Regionalismi e gestione della terminologia (con alcuni esempi anche nelle cartine) 
Atlante delle strutture linguistiche (…e del tè!) 
La stagione dei cetrioli (alcune carte etimologiche europee)

Stelle cadenti e vulcani

Due post in tema con gli eventi naturali protagonisti in questi giorni, lo sciame meteorico delle Perseidi e il vulcano Stromboli:

Il rumore delle stelle cadenti (è raro e ha un nome poco poetico, suono elettrofonico)

Lava, lapilli, turbinanti nubi di cenere vulcanica (eruzione stromboliana è uno dei numerosi contributi dell’italiano alla terminologia vulcanologica internazionale).

Spettacolo Stromboli, la lava incontra il mare – la Repubblica, 10 agosto 2014

Alitalia sarà davvero più sexy?

Alitalia-Etihad: c’è la firma. Hogan: sarà un’ azienda più sexy  – Corriere della Sera

Ho aggiornato C’è sexy e sexy dopo aver visto come è stato annunciato l’accordo Alitalia-Etihad di ieri. I media hanno riportato con grande enfasi e con foto di hostess una dichiarazione dell’amministratore delegato di Etihad, l’australiano James Hogan:
Adesso Alitalia sarà un’azienda più sexy

sexy [informal] [PR] [press] topical, marketable or interesting  COLLOCATES work, news story, issue, subject, technologyIl contesto della dichiarazione originale conferma che Hogan non ha usato sexy con il significato di “sessualmente attraente, conturbante” che ha anche in italiano (e che ha suscitato innumerevoli commenti online) ma con l’accezione inglese più recente di “ambito, desiderabile”:

  We believe in Alitalia. It is a great brand with enormous potential. With the right level of capitalization and a strong, strategic business plan, we have confidence the airline can be turned around and repositioned as a premium global airline once again. To me, the sexiest airline in Europe should be Alitalia.
  Alitalia is the perfect ambassador for Italy and all that it represents. As we revitalise the brand, the airline will increasingly embody all that we recognise as quintessentially Italian – the history, culture, food and fashion. It must be an airline of which Italians can be proud.
  [Bloomberg News] 

Come si può notare, il commento era del tutto marginale e gli è stata data una rilevanza che non aveva. Ancora una volta i media hanno dimostrato di non prestare molta attenzione all’uso delle parole e ai significati diversi che possono avere in contesti diversi e in lingue diverse (anisomorfismo).

Altri dettagli e commenti in C’è sexy e sexy.

No, il mullet non è magnifico

Chantal Biya È silly season anche al Washington Post, che dedica un articoletto ai capelli della first lady del Camerun:

Chantal Biya has single-handedly made mullet the new magnificent. […] Somehow her hair manages to be short and long, rebellious yet elegant, unruly but controlled.

L’ho letto incuriosita da una traduzione italiana:

Chantal Biya ha ridefinito il concetto di “magnifico”. […]
I suoi capelli sono insieme corti e lunghi, ribelli ed eleganti, spettinati ma controllati.

Mullet  non è un pesce (muggine o cefalo) ma la pettinatura, tipica degli anni ‘80, con i capelli corti davanti e lunghi dietro (cfr. il nome tedesco Vokuhila: vorne kurz, hinten lang).

Nel testo originale la chioma è descritta come magnificent, che in questo contesto non vuol dire magnifico ("che suscita ammirazione o approvazione incondizionata") ma imponente, maestoso, molto elaborato: collocazioni tipiche di questa accezione sono luoghi naturali, edifici o architetture particolarmente spettacolari. In altri contesti magnificent può anche voler dire ottimo, di grande bravura, ad es. magnificent achievement.
.

Vedi anche: Più cattiva Maleficent o Malefica? (un riferimento all’aggettivo magnificent).

Deprecato in informatica

L’Accademia della Crusca ha pubblicato una consulenza linguistica molto dettagliata su Deprecato in informatica. Sono state analizzate le diverse traduzioni usate in italiano per deprecated e viene citato ampiamente anche un mio vecchio post, Che relazione c’è tra obsoleto, disapprovato e deprecato?, scritto quando ero terminologa di Microsoft.

Gli esempi della consulenza evidenziano l’arbitrarietà del segno linguistico, frequente nella terminologia informatica: succede che in contesti diversi lo stesso concetto venga identificato con termini diversi, o che lo stesso termine venga usato per concetti diversi. Spesso non esiste un singolo “termine corretto” e la scelta più adatta va operata in base alle relazioni tra concetti all’interno dello specifico sistema concettuale, sia in inglese che nelle lingue in cui si localizza.

Dettagli ed esempi nel post citato, in Font, typeface, famiglie e tipi di carattere – 1 e 2 e in Completamento, compilazione e riempimento.